NUOVO MODELLO MOLECOLARE SPIEGA COME SI FORMANO I GEL

INNOVAZIONE

di Andrea Lepone

 

Un team di ricerca ha svelato il meccanismo di aggregazione a livello microscopico di un polisaccaride naturale, il gellano, uno zucchero complesso che ha la capacità di formare gel trasparenti e reversibili

Un team di ricerca dell’Istituto dei sistemi complessi del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma (Cnr-Isc), in collaborazione con alcuni colleghi del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche dell’Università di Roma Tor Vergata, ha svelato il meccanismo di aggregazione a livello microscopico di un polisaccaride naturale, il gellano, uno zucchero complesso che ha la capacità di formare gel trasparenti e reversibili mediante il semplice raffreddamento di soluzioni del polimero in acqua e sali. 

Tale proprietà, unita alle caratteristiche di biocompatibilità, atossicità e biodegradabilità, rende il gellano un composto ideale per numerose applicazioni, dall’industria farmaceutica a quella cosmetica, dal settore alimentare al restauro di beni culturali, in particolare opere d’arte cartacee. I ricercatori e le ricercatrici hanno dimostrato che la formazione di super-aggregati di gellano avviene in due fasi: nella prima, le catene polimeriche di gellano formano strutture a doppia elica, che nella seconda fase si assemblano, dando origine ad aggregati di ordine superiore. All’interno di tale processo, un ruolo importante è svolto dai sali di cationi divalenti, come il calcio, che promuovono la rapida ed estesa formazione di aggregati, in quanto favoriscono la creazione di punti di giunzione tra le doppie eliche di gellano, diversamente dai sali di cationi monovalenti, come il sodio, che ricoprono un ruolo secondario.